Si dice che la prima impressione sia quella che conta e in quest’epoca, caratterizzata dai Social e dal Digital, è importante curare la propria immagine anche sul web. In questo caso si parla di web reputation. Infatti, ogni comportamento e ogni notizia reperibile in rete contribuiscono a formare l’opinione che un utente del web si farà su una determinata persona, azienda o prodotto. Questo perché è ormai diffusa la pratica di documentarsi e cercare in rete informazioni riguardo a qualsiasi tema di nostro interesse.

Se decidiamo di andare a cena in un ristorante che non conosciamo, la prima cosa che faremo è cercare immagini e informazioni in rete sperando di trovare anche le recensioni di qualche altro utente.

Questo discorso vale anche per le persone fisiche.

Quando invii il tuo cv a un’azienda per una posizione lavorativa, se il tuo cv è interessante quasi certamente quell’azienda farà anche una ricerca online al fine di trovare più informazioni possibili sul tuo conto, magari tramite i social network.

Ecco alcuni dati a supporto di quanto detto, pubblicati su Monster.it:

  • 8 recruiter su 10 aprono un motore di ricerca dopo aver visto il CV
  • Il 23% dei recruiter usa anche i social network per selezionare i candidati
  • 1 selezionatore su 4 ha escluso candidati per contenuti trovati online

Per tanto sarebbe opportuno mettere in evidenza sulla rete solo il meglio, utilizzare i Social per mettere in primo piano i nostri interessi e i nostri punti di forza, al fine di guidare il giudizio dei recruiter. D’altronde siamo i marketing manager di noi stessi.