Il Coronavirus cambierà per sempre il nostro mondo e la società in cui viviamo. E’ questo il pensiero centrale dell’intervista rilasciata da Bill Gates a Daniel Roth, caporedattore di LinkedIn. Il gigante di Microsoft, che con la sua fondazione finanzia la ricerca del vaccino contro il Covid-19, si è espresso riguardo i possibili effetti della fine del lockdown.

Dopo aver sottolineato che l’unlocking non coinciderà con un ritorno alla realtà che tutti conosciamo, Gates si è concentrato sul futuro del mondo del lavoro: molte cose cambieranno e la società si spingerà sempre più sul digitale. La tecnologia, già alla base delle nostre vite prima del Coronavirus, diventerà ancora più presente. L’obiettivo, sottolinea Gates, è naturalmente quello di consentire il proseguimento delle attività riducendo al minimo i contatti, per tutelare la salute di tutti. Con molta probabilità i viaggi di lavoro non ci saranno più. Stessa cosa vale per le riunioni, che saranno sostituite da incontri virtuali.

L’adattamento al digitale, d’altra parte, potrebbe riguardare anche altri mondi, come quello della giustizia: Gates immagina un futuro in cui tribunali e giudici saranno virtuali, migliorando la realtà precedente. Diversa la sua opinione riguardo scuola e formazione. In questo caso il filantropo americano non ha dubbi: niente può sostituire l’attività sociale, la possibilità di fare amicizia o di avere un buon insegnante. La scuola deve tornare com’era, magari con qualche spintarella verso il digitale per quanto riguarda gli strumenti.

Ma torniamo al lavoro. Gates non è l’unico a sostenere l’importanza della digitalizzazione per affrontare il post emergenza. Dopo più di un mese dalla diffusione dell’epidemia nel nostro Paese, emergono le nuove tendenze che impatteranno per sempre sul mondo del lavoro.

  • Un nuovo modo di lavorare. Lo smart working, s’imporrà come una vera e propria trasformazione sociale e culturale per aziende e lavoratori.
  • Un nuovo modello di leadership. A capo dell’azienda dovranno esserci guide preparate a gestire prontamente le crisi e le emergenze. In tal senso, è importante continuare a sostenere il talento per formare i leader di domani.
  • Reskilling e upskilling. Le trasformazioni possono essere improvvise e inaspettate, farsi trovare pronti significa garantire futuro alla propria azienda, e aumentare il livello di employability.
  • Investire sull’innovazione per sostenere la crescita. L’aggiornamento del parco tecnologico e la preferenza di un’infrastruttura che predilige il “mobile” può favorire lo sviluppo di forme di lavoro alternative a quelle in ufficio.

Vale la pena analizzare brevemente anche un altro aspetto destinato a cambiare per sempre: la ricerca del lavoro. Com’era prevedibile le assunzioni hanno subito un rallentamento in questo periodo. Ma presto riprenderanno, seppur con modalità differenti.

Le selezioni avverranno a distanza, tramite video colloqui e colloqui telefonici. L’impossibilità di incontrarsi personalmente aumenterà l’importanza di essere presenti online. Sarà dunque necessario dare valore al personal branding curando, per esempio, il proprio profilo LinkedIn e la lettera di presentazione.

Questi sono solo alcuni dei possibili scenari post Coronavirus. Riprendere in mano il proprio business, dare una svolta alla propria carriera, trovare una prima occupazione: qualsiasi sia la tua esigenza i nostri esperti potranno accompagnarti nello sconosciuto mondo che ci attende. Ci trovate al numero di telefono 02.36693.350 o potete contattare i nostri esperti a info@futuredrive.it