Quali saranno le forze che guideranno il lavoro del domani? Le organizzazioni, oggi, sono molto più agili, trasparenti e internazionali, e lo saranno ancora di più in futuro. Il lavoro e i lavoratori (sì, gli umani) saranno essenziali per le organizzazioni: saranno ben più più articolate e il lavoro sarà organizzato, strutturato e condotto in modo nuovo.

In che modo i leader dovranno navigare in questo nuovo ecosistema lavorativo? Come la tua organizzazione dovrebbe pianificare i cambiamenti futuri? 

Indizi importanti emergono da un gruppo di human resources executives e altri leaders.  CHREATE – il consorzio internazionale impegnato nel ridisegnare il ruolo degli HR, dei futuri talenti e delle imprese – ha studiato in che modo le organizzazioni si trasformeranno per incontrare il lavoro del domani, individuando le iniziative che renderanno lo renderanno realtà.

A tal proposito, CHREATE ha individuato cinque forze che guideranno il cambiamento:

  • Un nuova struttura sociale e organizzativa. Le organizzazioni saranno sempre più trasparenti con gli stakeholders e più flessibili. I talenti saranno impegnati nel raggiungimento di nuovi obiettivi, non solo economici. Verranno abbandonate le tradizionali gerarchie, e la leadership del futuro sarà molto più orizzontale.
  • Un mercato internazionale inclusivo. Verrà riconosciuto il talento delle donne e delle minoranze etniche, e verrà favorita la presenza di una forza lavoro multigenerazionale.
  • Un mondo davvero connesso. Il lavoro sarà sempre più virtuale, e potrà essere svolto ovunque e in qualsiasi momento, anche con il proprio cellulare, sostenendo la comunicazione in tempo reale. Non solo. Partnership e networks globali aumenteranno le possibilità professionali, ridefinendo le carriere: eccoli i vantaggi dell'”always connected”.
  • Una nuova rivoluzione tecnologica. Robot, veicoli automatizzati e intelligenza artificiale ridisegneranno l’ecosistema lavorativo. Organizzazioni e lavoratori misureranno i risultati delle scommesse a lungo termine investendo sull’automazione. Inoltre, le risorse umane saranno capaci di adattare le proprie capacità ai frequenti cambiamenti.
  • Collaborazione tra umani e automazione. Se da un lato le analisi, gli algoritmi, i big data e l’intelligenza artificiale sostituiranno il lavoro dell’uomo, dall’altro  creeranno una nuova collaborazione tra umani e automazione.  Organizzazioni e lavoratori progetteranno la loro attività per ottimizzare piuttosto che per contrastare questa nuova realtà.

Per concludere

Questi trends non riguarderanno allo stesso modo tutte le organizzazioni. Il lavoro del futuro è pieno di incognite: i leaders hanno un’enorme responsabilità verso organizzazioni e lavoratori.

Per questo è importante che i leaders comprendano dove sono, adesso, le imprese che dirigono e in che direzione stanno andando. Solo così potranno tratteggiare delle strategie atte a sostenere il cambiamento in atto.

Fonte: hbr.org