Gi Group, multinazionale italiana che opera nel mondo delle risorse umane, ha una nuova mission: “aiutare le persone a restare professionalmente attive” e per raggiungerla ha lanciato un’iniziativa innovativa e ambiziosa di orientamento digitale, totalmente gratuita, che si terrà dal 22 al 26 novembre. Il gruppo si propone di creare una vera e propria “città virtuale” costituita di webinar, approfondimenti e sessioni di orientamento rivolte a studenti, lavoratori e candidati che potranno trovare risposte a dubbi e domande riguardanti il mondo del lavoro. Francesco Baroni, country manager della multinazionale, afferma: “Con Destination Work City vogliamo ribadire la nostra vicinanza a candidati, studenti e lavoratori mettendo a loro disposizione il nostro know-how e raggiungendoli su tutto il territorio nazionale. La candidate experience è oggi un ambito nel quale stiamo concentrando le nostre energie perché lo riteniamo aspetto determinante nel futuro delle risorse umane”.

L’iniziativa si suddivide in tre gradi aree tematiche:

-il Parco Specializzazioni: il giusto luogo dove trovare informazioni per tutto ciò che riguarda i settori che offrono maggiori opportunità lavorative e scoprire i trend e profili più richiesti;

-la Piazza delle Opportunità: dove indagare sulle attività specifiche di alcune filiali Gi Group sul territorio, le opportunità di lavoro e il funzionamento del mercato locale;

-il Viale dell’Orientamento, in cui incamminarsi nell’approfondimento di strumenti utili alla ricerca del lavoro e all’ingresso nel mercato attraverso webinar e video.

Vi è in realtà una quarta area, dedicata alle consulenze personalizzate per l’orientamento che potranno essere prenotate individualmente con uno degli esperti di Gi Group. Ogni incontro privato avrà la durata di 30 minuti e sarà indirizzato al supporto per quanto riguarda l’efficacia del proprio CV, la ricerca di uno specifico lavoro, lo sviluppo del proprio percorso professionale e la preparazione al sostenimento di un colloquio di lavoro. Le disponibilità sono ovviamente di numero limitato perché si tratta di un servizio offerto gratuitamente in forma di volontariato da 120 dipendenti delle società del gruppo.